Come Lavare i Denti
La guida completa

Biocenter Srl

Tutti noi laviamo i denti tutti i giorni, è ormai una buona abitudine diffusa: un’attenta campagna di informazione svolta negli anni passati ha dato sicuramente i suoi frutti.
Eppure siamo sicuri che non tutti si lavino i denti nella maniera migliore: una spazzolata veloce mattina e sera non è di certo sufficiente per un’igiene orale corretta e completa.
Quindi, ecco una guida che ha lo scopo di aiutarci a prenderci cura nella maniera migliore dei nostri denti, del nostro sorriso.

1. Spazzola i denti almeno due volte al giorno
I denti vanno lavati almeno due volte al giorno, mattina e sera. L’ideale sarebbe effettuare anche un terzo lavaggio dopo pranzo.
Da ricordare che è assolutamente fondamentale il lavaggio dei denti la sera prima di andare a letto: durante il sonno, infatti, la produzione di saliva è ridotta e di conseguenza i denti sono più soggetti agli attacchi degli acidi e dei batteri

2. Lo spazzolino giusto
Lo spazzolino più adeguato per una corretta pulizia dei denti ha la testina arrotondata, le setole in nylon di media consistenza e una forma tale da consentire di raggiungere agevolmente tutte le aree della bocca.

3. Basta poco dentifricio
Il dentifricio è solo un “aiutante”, il processo che determina il successo dell’operazione è lo spazzolamento.

4. Per quanto tempo si deve spazzolare?
Per una buona pulizia, i denti vanno spazzolati per almeno due minuti consecutivi.

5. La tecnica
La tecnica di spazzolamento è fondamentale. Innanzitutto, non bisogna essere troppo energici, perché si rischia di irritare le gengive.
La tecnica giusta prevede movimenti circolari, alternati a spazzolamenti dall’alto verso il basso e viceversa, con le setole inclinate di circa 45° rispetto la superficie dei denti, in modo che possano raggiungere bene gli interstizi tra i denti. Per pulire la parte interna dei denti, invece, bisogna inclinare lo spazzolino verticalmente.

6. La lingua
Anche la lingua va spazzolata ogni volta che si lavano i denti.

7. Lo spazzolino va sostituito periodicamente
Lo spazzolino non dura in eterno, va anzi cambiato spesso: in genere si consiglia ogni 2-3 mesi, ma si potrebbe doverlo fare anche prima, a seconda del grado di usura. Ad esempio: lo spazzolino va assolutamente sostituito se le setole sono rovinate, sfilacciate o si sono allargate troppo anche solo dopo poche settimane di utilizzo.
Ma se dovesse apparire integro ancora dopo 3 mesi, non ci si deve lasciare ingannare dall’apparenza: in questo lasso di tempo avrà comunque accumulato una carica batterica molto alta, per cui è lo stesso da buttare.

8. Il filo interdentale
Anche il filo interdentale fa parte dei gesti quotidiani di pulizia dei denti. Va utilizzato ogni sera poiché permette di pulire anche gli spazi tra dente e dente che si raggiungono più difficilmente con lo spazzolino.

9. Controllo dentistico e igiene professionale
Purtroppo, la sola igiene effettuata a casa non basta per eliminare totalmente la placca batterica. È quindi sempre importante effettuare delle sedute di igiene orale professionale una o due volte l’anno, e delle visite di controllo periodiche, almeno una volta l’anno, per tenere sotto controllo la situazione e per prevenire carie e disturbi gengivali, o anche problemi più seri riguardo la dentatura.



Vedi il nostro catalogo online
Scegli la categoria di prodotto che ti interessa e acquista a prezzo scontato.