Leggere un’Etichetta Alimentare
Le informazioni da controllare

Biocenter Srl

L’etichetta posta sui prodotti alimentari che acquistiamo tutti i giorni è per noi un elemento fondamentale che ci guida nella scelta: è una sorta di carta di identità dalla quale possiamo desumere tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno per operare una selezione dei cibi che portiamo sulle nostre tavole informata e consapevole.
In Italia la regolamentazione riguardo le etichette alimentari è operativa dal 2014; a noi consumatori, adesso, spetta il compito di imparare a leggerle.

Quali sono le informazioni contenute in un’etichetta? Cosa ci raccontano del prodotto?

Secondo il regolamento europeo vigente, sulle etichette alimentari sono previste due tipologie di informazioni: quelle obbligatorie e quelle facoltative.
Ad ogni modo, per tutte vale questa regola: devono essere scritte in modo chiaro e leggibile, in modo da essere facilmente rilevabili dal lettore.

Le informazioni obbligatorie


• La denominazione dell’alimento
• L’elenco degli ingredienti, in ordine decrescente, da quello più presente a quello meno;
• La quantità netta dell’alimento;
• La lista degli ingredienti o coadiuvanti tecnologici che possano provocare allergie o intolleranze;
• La quantità o la categoria degli ingredienti;
• La data di scadenza o il termine minimo di conservazione – “consumare entro e non oltre” o “consumare preferibilmente entro”;
• Le modalità di conservazione – ad esempio “mantenere a una temperatura di…”;
• La dichiarazione nutrizionale;
• Le istruzioni per l’uso;
• Il nome e l’indirizzo di chi lo ha prodotto;
• Il paese di origine o il luogo di provenienza;
• L’eventuale contenuto di alcol e il grado alcolometrico effettivo.

Le informazioni facoltative


L’aggiunta di informazioni facoltative è a discrezione del produttore, ma anche queste devono comunque rispettare uno standard minimo: non devono essere ambigue o confuse, non devono indurre il consumatore in errore o trarlo in inganno, devono basarsi su dati scientifici provati e, soprattutto, non possono sostituire quelle obbligatorie, che costituiscono la vera carta di identità del prodotto.

I claim


I claim sono tutte quelle frasi che arricchiscono il prodotto in vendita di appeal per il consumatore, dando informazioni che catturano immediatamente l’attenzione e che arrivano a caratterizzare il prodotto stesso.
Ci riferiamo a frasi o definizioni che vanno a sottolineare eventuali “doti” dei prodotti, del tipo: “senza zucchero” e “a basso contenuto di grassi”, o che vogliono vantare le proprietà benefiche e salutari di un alimento, come “favorisce la riduzione del colesterolo” e “riduce il rischio di…”.

Anche tutte queste indicazioni devono seguire una regolamentazione. Fanno, infatti, parte di un elenco di indicazioni consentite e devono essere autorizzate e, in entrambi i casi devono anche riportare una specifica indicazione aggiuntiva che informa i consumatori che, per ottenere i benefici che vengono vantati dal claim che accompagna un determinato prodotto, bisogna seguire una dieta varia ed equilibrata e avere uno stile di vita sano; allo stesso scopo ne vengono anche indicate la quantità e le modalità ideali di utilizzo.








Vedi il nostro catalogo online
Scegli la categoria di prodotto che ti interessa e acquista a prezzo scontato.