Pasta integrale
Perché sceglierla

Biocenter Srl

La pasta integrale è un ottimo alimento, grazie alla sua ricchezza di fibre e sostanze nutrienti.
Vediamo quali sono le caratteristiche di questa pasta e perché dovremmo sceglierla.

Come si fa la pasta integrale


La pasta integrale si ottiene da un impasto di semola integrale di grano duro e acqua.
La semola integrale non viene sottoposta a raffinazione, per cui in essa sono presenti tutte le componenti del chicco: crusca, endosperma e germe, che contengono nutrienti importanti per l’organismo.
Questa pasta è, dunque, un alimento ricco di sostanze nutritive ed è perfetta per un regime alimentare sano ed equilibrato.

farina

Farina integrale o 00

Le caratteristiche della pasta integrale


La pasta integrale ha un contenuto proteico leggermente superiore a quello della pasta tradizionale – +12%; ha un maggior contenuto di vitamine idrosolubili, sali minerali e fibre alimentari; contiene più carboidrati complessi e fino a 5 volte più fibre della pasta tradizionale.

Da ogni componente del chicco di grano la pasta integrale trae dei preziosi componenti: nella crusca troviamo le fibre, le sostanze antiossidanti, i minerali – zinco, rame, ferro, magnesio – e le vitamine del gruppo B; nel germe troviamo gli antiossidanti, gli acidi grassi polinsaturi, le vitamine del gruppo B e la vitamina E; nell’endosperma troviamo gli amidi, le proteine e i sali minerali.

I benefici della pasta integrale


L’alto contenuto di fibre fa sì che la pasta integrale favorisca la regolarità intestinale. Ma non solo: la fibra, essendo molto voluminosa, dà un senso di sazietà che aiuta a tenere cotto controllo la fame, anche quella nervosa, e, inoltre, rallenta l’assorbimento dei carboidrati, aiutando a prevenire l’accumulo di adipe e il colesterolo.

spaghetti

Il consumo di pasta integrale ha effetti benefici anche sulla glicemia: quando si mangia la pasta tradizionale il glucosio entra velocemente in circolo, e questo provoca la produzione di insulina, che ha il compito di riportare i livelli di glicemia entro i valori normali; con la pasta integrale il meccanismo ha modalità differenti, per cui la glicemia non si abbassa rapidamente – la conseguenza immediata è il non sentire subito il tipico stimolo della fame – e viene prodotta una minore quantità di insulina – la diminuzione di insulina nel sangue modera la trasformazione dei carboidrati in riserve di grasso.

Oltre ad avere un indice glicemico più basso della pasta tradizionale, la pasta integrale ha anche un contenuto calorico inferiore, ed è, dunque, ottima anche nei regimi alimentari dietetici.

Attenzione, però, a non esagerare con le porzioni e, soprattutto, con i condimenti: mantieni il tuo regime alimentare sano ed equilibrato mangiando quantità moderate di pasta integrale, preferibilmente con condimenti non troppo elaborati – l’ideale è un piatto di pasta con verdure saltate in padella condite con un filo di olio extravergine di oliva a crudo.









Vedi il nostro catalogo online
Scegli la categoria di prodotto che ti interessa e acquista a prezzo scontato.