Semi e germogli
Ecco perché fanno bene

Biocenter Srl

Sappiamo ormai tutti molto bene quanto le vitamine e i minerali siano importanti per il nostro organismo. Come approvvigionarsene? Tramite una corretta alimentazione: frutta e verdure ne sono le maggiori fornitrici.
Talvolta, in caso di carenze, si ricorre anche agli integratori.
Ma c’è un’altra fonte di vitamine, minerali e altri nutrienti essenziali che è straordinaria ma, purtroppo, molto sottovalutata: i germogli.

Perché semi e germogli sono così ricchi e fanno bene al nostro organismo?



Eccoti ben dieci motivi per cui mangiare germogli.

semi

1. I germogli sono molto nutrienti: contengono alte percentuali di proteine, vitamine, sali minerali, fibre e acidi grassi essenziali.

2. I germogli contengono enormi quantità di vitamine: durante il processo di germogliazione il quantitativo di vitamine raddoppia rispetto a quello presente nel seme ed è esponenzialmente più alto rispetto a quello che troveremmo nella pianta adulta.

3. I germogli non perdono contenuto nutritivo a differenza degli ortaggi, che una volta raccolti cominciano progressivamente a perdere potere nutrizionale.

4. Le proteine vegetali presenti nei germogli sono meglio assimilabili poiché fornite in forma semplice di singoli amminoacidi.

5. Nei germogli è garantita la presenza di enzimi metabolici vivi che servono a mantenere il nostro corpo sano grazie alle loro funzioni di sintesi e trasformazione cellulare.

6. I germogli sono alimenti molto sazianti.

7. Si può fare approvvigionamento di germogli in ogni momento, visto che sono facilmente coltivabili in casa in qualsiasi stagione e in qualsiasi luogo.

8. I germogli sono economici e naturali: basta una busta di semi, meglio se bio, per avere moltissimi germogli con il minimo impegno pratico.

9. I nutrienti presenti nei germogli sono molto ben assimilabili.

10. I germogli sono alcalinizzanti.


Riassumendo, possiamo dire che consumare germogli permette di avere una alimentazione equilibrata e ricca di nutrienti, dal grande potere energetico. Il consumo di germogli, infatti, è raccomandato anche in caso di convalescenza, stanchezza, debolezza, indebolimento e stress, e per rafforzare le difese immunitarie.
Un consumo regolare, inoltre, migliora la digestione, depura l’organismo, combatte i radicali liberi e mantiene vitali organi e tessuti.

Quali sono i semi che possiamo coltivare anche a casa per avere sempre a disposizione i nostri germogli freschi?

Molte varietà di piante possono essere sfruttate per questo genere di coltivazione; eccone alcune:

• Germogli di legumi: lenticchie, alfa-alfa, ceci, soia, piselli, fagioli azuki, fagioli mung

• Germogli di cereali: grano, segale, orzo, avena, farro, grano saraceno, miglio, riso, quinoa

• Germogli di ortaggi: broccoli, cavolo rosso, crescione, rucola, cipolla, aglio, ravanello, basilico, bietola rossa, finocchio, porro, rafano

• Germogli di semi oleosi: senape, girasole, zucca, sesamo



Vedi il nostro catalogo online
Scegli la categoria di prodotto che ti interessa e acquista a prezzo scontato.